Contribuenti.it

Lo Sportello del Contribuente ®

NEWS BUSTER
UNA RACCOLTA DI NOTIZIE UTILI PER IL CONTRIBUENTE

20/11/2016

COMUNICATO STAMPA 20.11.2016. FISCO, CONTRIBUENTI.IT: 1 IMPRESA SU 2 CHIUDE DOPO UNA VERIFICA.

ROMA – Sono sempre di più imprese italiane chiudono i battenti dopo aver ricevuto una verifica fiscale. Secondo il 6° Rapporto del Contribuente 2016 dell’’Associazione Contribuenti Italiani, presentato stamane a Roma, lo stato di salute dei contribuenti peggiora sempre di più. L’analisi, condotta dal Centro Studi e Ricerche Sociologiche “Antonella Di Benedetto” di Krls Network of Business Ethics per conto di Contribuenti.it, ha rilevato che nel 2016 soltanto 1 impresa su 2, il 54,2% che riceve una verifica fiscale riesce a sopravvivere, contro il 56,8% registrato un anno fa. Dallo studio è emerso lo stato di debolezza delle imprese italiane, fatte prevalentemente da piccole aziende, che non riescono a fronteggiare contemporaneamente due eventi straordinari: la crisi economica e l’accertamento fiscale. Secondo il 6° Rapporto del Contribuente 2016, anche le richieste di rateizzazioni del pagamento delle imposte sono cresciute del 16,3% come pure iniziano le richieste di rottamazione dei ruoli. Nel 2016 è cresciuta anche la sfiducia dei Contribuenti Italiani nei confronti del Garante del Contribuente passando dal 76,4% al 75,6%. In pratica, 3 contribuenti su 4 chiedono la riforma del Garante del Contribuente perché non si sentono tutelati, come previsto dallo Statuto dei diritti del Contribuente. Al contrario, cresce la fiducia nella Giustizia tributaria dell’1%, passando dal 76,0% del 2015 all’76,7% del 2016.
«Ciò che ci amareggia è che molte imprese, anche quest’anno, hanno chiuso i battenti pur sapendo di avere ragione – ha sottolineato Vittorio Carlomagno presidente di Contribuenti.it Associazione Contribuenti Italiani – Per fronteggiare l’emergenza ed aumentare il tasso di compliance chiediamo al Governo di istituire, urgentemente, Lo Sportello del Contribuente presso tutti gli organi diretti ed indiretti dell’amministrazione finanziaria e di riformare il Garante del Contribuente».

L’ufficio stampa

FONTE: Contribuenti.it

CHIUDI LA PAGINA STAMPA LA NOTIZIA